Come funziona Copyscape




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Ho provato Copyscape e voglio spiegarvi come funziona. Prima però, è meglio chiarire che cos'è e a cosa serve questo servizio. Copyscape è un programmino online sviluppato per scovare contenuti web copiati, sia da pagine già indicizzate su Google sia da testi o articoli non ancora pubblicati. Con Copyscape abbiamo la possibilità di sapere A) se siamo vittime di plagio, B) chi è il responsabile e C) in che misura siamo stati danneggiati. Ci sono due gruppi di utenti che dovrebbero utilizzare Copyscape. Il primo gruppo – blogger, proprietari di portali di informazione, ecc – dovrebbe farlo per verificare contenuti già indicizzati dai motori di ricerca, non solo per una questione di tutela ma anche perché in caso di duplicate content (contenuto duplicato) il loro sito o blog potrebbe essere penalizzato (oltre al danno la beffa). Il secondo gruppo è composto da utenti che desiderano verificare se i contenuti acquistati (articoli, post, news, testi in generale) sono originali oppure no. Nel primo caso Copyscape sarà gratuito, nel secondo a pagamento. Cogliere questa differenza è importante perché si intuisce meglio come funziona il programma. Vediamolo subito. 

leggi di più 0 Commenti

Preparare il piano di comunicazione di un sito web




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Piano di comunicazione sito web

Il piano di comunicazione di un sito web è uno strumento importante per organizzare la scaletta dei contenuti senza perdere la testa. Obiettivo di un buon piano di comunicazione è quello di pianificare al meglio l'uscita (o pubblicazione) di news, post e aggiornamenti social nel corso dei mesi successivi. Parlo di mesi e non di anni perché allo stato attuale delle cose i cambiamenti sono così rapidi che non avrebbe alcun senso buttare il proprio tempo nell'illusione di prevedere cosa piacerà o non piacerà da qui a più di 4 o 5 mesi. Detto questo, il primo consiglio per redarre un piano di comunicazione è iniziare a pensare a quali canali vogliamo sfruttare. Nella cornice di un sito web, i canali d'elezione per comunicare con il pubblico sono 2: sezione news oppure blog interno. A questi si aggiungono eventuali social network come Facebook, Twitter o Google Plus.    

leggi di più 0 Commenti

Come scrivere un testo persuasivo




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Come scrivere un testo persuasivo

Ho letto diversi articoli su come scrivere un testo persuasivo e nessuno di questi mi ha convinto. Il problema di fondo, a mio avviso, è pensare che esistano due tipi di testo (o contenuto), il testo persuasivo e il testo non persuasivo. Una simile distinzione mi sembra pura retorica: un testo, in quanto tale, deve essere persuasivo, se non altro dal punto di vista della leggibilità. Nel momento in cui la lettura non ti convince (o non ti persuade) smetti all'istante di leggere, e questo sia nel caso di un articolo sportivo, sia per quanto riguarda un volantino pubblicitario o l'ultimo best seller di Camilleri. Chiunque prenda in mano una penna o si posizioni davanti al monitor di un computer ha l'obbligo morale di scrivere un testo persuasivo. La vera difficoltà – una difficoltà che cercherò di argomentare e superare nei prossimi paragrafi – è dunque la seguente: come scrivere un testo persuasivo se siamo i primi a dubitare di noi stessi, del nostro prodotto o della tesi sostenuta?

leggi di più 0 Commenti

Ottimizzazione sito web: a cosa prestare attenzione




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Ottimizzazione sito web

 

Per parlare dell'ottimizzazione di un sito web non potevo che scegliere un'immagine associata a Google. Il monopolio di questo motore di ricerca, almeno in Italia, è ormai assodato. C'è chi segue zelante le regole di ottimizzazione di Big G, chi punta sulla reputazione in Google Plus, chi pubblica decine e decine di contenuti... tutti accomunati dal desiderio di entrare nelle grazie di Google e aumentare mese dopo mese il traffico in entrata. Una corsa all'oro che premia le idee vincenti, i post virali, ma anche il lavoro quotidiano sui social e sul proprio sito/blog. Visto che le vacanze si avvicinano, è forse arrivato il momento di rimboccarsi le maniche e prestare attenzione ad alcuni aspetti generali. Per quanto indispensabili, questi aspetti vengono troppe volte trascurati, in particolare da proprietari di ecommerce e imprenditori che hanno scelto la strada del “fai-da-te”. Vediamo allora in 5 punti come riconoscere se il nostro sito è ottimizzato e, in un secondo momento, come ottimizzarlo. 

leggi di più 2 Commenti

Directory italiane: la lista aggiornata a giugno 2013




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

A poco più di un anno di distanza dalla pubblicazione di una lista di directory italiane simile a quella che vedete sotto, ho pensato fosse giunto il momento di aggiornare i dati raccolti, i link e il Page Rank. Sono convinto infatti che Panda, Penguin e compagnia bella abbiano sì dato una scossa alle serp di Google, ma questo non vuol dire che alcuni meccanismi alla base del posizionamento siano diventati inutili. Non è affatto inutile, ad esempio, inserire il sito in una directory come dmoz.org o come directory.e-max.it. Né penso sia inutile inserirlo in directory attive, conosciute e con una certa credibilità alle spalle. Il difficile è proprio questo: se è vero che in Internet si trovano centinaia di elenchi pubblicati da seo e professionisti del web, è anche vero che pochi di questi elenchi presentano directory attive, conosciute e con una certa credibilità.

 

leggi di più 25 Commenti

Inviare il curriculum via email: gli errori da evitare




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Inviare curriculum via email

Inviare il curriculum via email sembra un'azione banale. Per alcuni lo è davvero, per altri, viste le email che ricevo, la questione viene sistematicamente sottovalutata. Potrei fare della facile ironia e raccontarvi episodi estremi, ma trattandosi di una faccenda seria – una faccenda che riguarda il lavoro e quindi la vita – preferisco spiegare una volta per tutte cosa fare e cosa non fare quando si decide di inviare un curriculum via email. Questi consigli, se avrete l'umiltà di accettarli, vi torneranno utili anche nei confronti di altri lavori e di altri interlocutori. In fondo si tratta di applicare un poco di buon senso. Sospetto che i seguenti punti saranno la risposta ai prossimi invii di curricula male impostati. Arriverò purtroppo in ritardo ma almeno eviterò il ripetersi degli stessi errori. Vi rispetto uno per uno e pertanto: resto a disposizione per qualsiasi “chiarimento”.

leggi di più 0 Commenti

Costruire testi efficaci per il web: uno schema pratico




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Costruire testi efficaci

Costruire testi efficaci per il web è un affare serio, per il quale occorrono competenze ben precise e una notevole confidenza con il linguaggio del marketing. Chi si improvvisa copywriter finisce spesso per produrre un testo carente sotto molti aspetti. Caratteristiche negative ricorrenti sono ad esempio la lunghezza eccessiva, l'uso di termini approssimativi, la mancanza di elementi che arricchiscono la pagina (in primo luogo immagini e frasi evidenziate), e così via. Il risultato finale presenta l'aspetto di un “monoblocco”, la cara e vecchia facciata di un palazzo in stile sovietico: grigia, senza decorazioni, priva di spunti creativi. Di fronte a casi del genere, di cui ho parlato l'anno scorso in questo post, l'impressione dell'utente rischia di essere negativa, vuoi per la frustrazione di dover leggere un sacco di parole, vuoi per la delusione di non aver trovato le informazioni giuste, vuoi per mille altri motivi...

 

leggi di più 2 Commenti

Articoli pronti: arriva la nuova sezione per l'acquisto online!




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Articoli pronti

Il 13 marzo dell'anno scorso in questo blog si è parlato del primo e unico content marketplace italiano di articoli già pronti. Il servizio nel frattempo si è evoluto ed ha visto crescere il numero di acquirenti e collaboratori. Ad oggi restiamo i soli ad offrire un ecommerce di questo tipo, dove alla qualità dei contenuti si accompagna la possibilità di scaricare i prodotti acquistati in tempo reale. Basta inserire pochi dati e il gioco è fatto: in meno di un minuto si valutano le anteprime degli articoli e si decide cosa comprare. Il sistema è molto comodo poiché permette a chi ha un sito web o un blog di pubblicare articoli non soltanto informativi, ma anche ottimizzati dal punto di vista delle keyword interne, con tanto di metadescription e tag. 

 

leggi di più 0 Commenti

Il lavoro di un bravo blogger, oggi, in Italia




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Le mansioni di un bravo blogger

Essere un bravo blogger in Italia, oggi, significa lavorare sodo, molto sodo. Le aziende ignorano i meccanismi e i tempi della rete, eppure vogliono risultati, li vogliono subito e a prezzi stracciati. Qualcuno, contento lui, si svende per quattro soldi, promettendo il raggiungimento di obiettivi fin troppo ambiziosi, il che complica ancora di più la situazione. Bisogna poi aggiungere che i pochi blogger seri, in quanto tali, si devono occupare dei loro blog (di solito uno) aggiornandolo con un post quotidiano e spendendo il resto del tempo a pubblicizzarlo online. Gira e rigira, tolto chi si svende e tolti i blogger seri, rimangono i blogger di cui voglio parlarvi in questo post, quelli che, oltre a conoscere le regole del web writing e quelle di ottimizzazione di un testo, sanno anche scrivere di qualsiasi argomento, o quantomeno devono dare l'impressione di conoscere tutto. E in fretta.

leggi di più 3 Commenti

Auguri! Tutte le novità di Contenuti WEB per il 2013




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Novità 2013 by Contenuti WEB
  
Sono in molti a dire che il 2013 sarà l'anno dei contenuti per il web. I recenti cambiamenti introdotti da Google per determinare il posizionamento di un sito - v. Panda e Penguin - hanno rivoluzionato le regole del gioco! Basta con il vecchio article marketing, l'attenzione si sposta ora verso i contenuti prodotti dagli utenti: immagini, video, infografiche, ma soprattutto articoli informativi e testi di qualità. Già nella seconda metà del 2012 si è vista l'importanza di avere all'interno del sito le keyword d'interesse, sia nelle pagine principali sia nelle news e nei post dell'eventuale blog associato. 
 
leggi di più 0 Commenti

Posizionamento siti web: i contenuti prima di tutto




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Posizionamento siti web

C'era un tempo in cui il posizionamento di un sito web nei motori di ricerca lo decideva il SEO, una figura specializzata, come indica l'acronimo, nella Search Engine Optimization (Ottimizzazione per i Motori di Ricerca). Oggi quell'epoca è finita, non tanto perché “la SEO è morta” o perché “le pratiche SEO sono diventati inutili”, quanto perché l'importanza della SEO ai fini del posizionamento di un sito, di un blog, di un ecommerce, è diminuita in modo direi drastico. Il mio è il punto di vista di un web writer che collabora ogni giorno con agenzie SEO competenti e qualificate. Eppure, alla luce dei risultati ottenuti da alcuni miei articoli e da un paio di siti che ho avviato da zero (tra cui questo), posso sostenere che posizionarsi in prima pagina su Google e sugli altri motori di ricerca è possibile anche e soprattutto grazie ai testi.   

 

leggi di più 0 Commenti

Segnalazione blog: i siti italiani dove iscriversi gratis




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Segnalazione blog

La segnalazione del proprio blog o di quello dei propri clienti nei vari siti che prevedono questo tipo di servizio è un lavoro lungo e noioso, ma anche necessario. Quando si avvia un blog è infatti indispensabile ottenere subito una certa visibilità, e per ottenere subito una certa visibilità bisogna andare a bussare alla porta di chi questa visibilità già ce l'ha. Un po' come nella vita reale, ammesso e non concesso che l'intenzione sia quella di accelerare i tempi e bruciare le tappe, o almeno provarci. Supponiamo quindi che abbiate aperto il vostro blog, che abbiate inserito l'url nelle principali directory italiane e che abbiate pubblicato alcuni articoli che parlano di voi in quei pochi e validi siti di article marketing rimasti. Supponiamo poi che abbiate inaugurato le vostre pagine Facebook e Twitter, e magari anche Google Plus, guadagnando altri preziosi link per iniziare a posizionare il blog e farlo conoscere in giro per la rete. 

 

leggi di più 1 Commenti

Scorciatoie da tastiera per scrivere più veloce [Open Office]




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Scorciatoie da tastiera

Quando ho cominciato questo lavoro le scorciatoie da tastiera non sapevo nemmeno cosa fossero. Per tagliare, incollare, copiare e modificare il testo mi affidavo al mouse, cliccando il tasto destro per aprire il classico menù a tendina con le voci scritte nero su grigio. Ora che è passato qualche anno ho imparato che esistono modi molto più intuitivi e veloci per fare le stesse identiche cose: in gergo si chiamano scorciatoie, nient'altro che combinazioni di due o più pulsanti della tastiera. Le scorciatoie permettono di risparmiare tempo e quindi economizzare al massimo la nostra risorsa più importante. Oltre a quelle note a tutti, ad esempio Crtrl + C per copiare o Ctrl + V per incollare, ce ne sono altre meno conosciute ma altrettanto preziose, soprattutto per scrivere testi con link, frasi in bold, elenchi puntati e ogni altro elemento utile ad arricchire e ottimizzare un articolo piuttosto che un post o un contenuto. 

 

leggi di più 0 Commenti

Buone vacanze da Contenuti WEB!

Buone vacanze da Contenuti WEB

 

Ormai siamo in piena estate ed è arrivato il momento di sospendere per un po' le pubblicazioni di questo blog. Grazie per aver letto e commentato i miei articoli, appuntamento a settembre con tante sorprese e nuovi contest a cui partecipare! 

 

Se non volete perdervi nemmeno un aggiornamento seguitemi su Facebook o Twitter!

 

BUONE VACANZE :)

 

 

 

 

 

0 Commenti

Testi ottimizzati seo: quali vantaggi e a che prezzo




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Testi ottimizzati SEO

Testi ottimizzati SEO. Tre parole, una formula magica, un mantra che sempre più persone imparano a conoscere. Blog e magazine online pubblicano quasi ogni giorno un post o un articolo a riguardo, e questo è un buon indizio di quanto l'affare stia diventando terribilmente serio. Pochi, tuttavia, portano a favore delle loro teorie qualche esempio pratico. Quali sono i reali vantaggi di un testo ottimizzato in chiave SEO? E a che prezzo? Per rispondere a queste domande bisogna prima sapere cos'è un testo seo-friendly: l'argomento è già stato trattato in mille salse e per approfondirlo vi rimando o ai post di altri siti o anche ai miei (“Come ottimizzare un testo per il web” piuttosto che “Scrivere per Google”). Vediamo quindi di passare dalla teoria alla pratica e valutare insieme qualche risultato. Pronti?

 

leggi di più 3 Commenti

Article Marketing: pochi siti ma buoni




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

leggi di più 14 Commenti

Ti piace Contenuti WEB? Vinci una pausa... avventura!




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Prenditi una pausa, clicca mi piace!

 

Contenuti WEB ha da poco superato la soglia dei 100 fan su Facebook. Non è certo una cifra da capogiro, ma mi ero comunque ripromesso di festeggiare qualora avessi oltrepassato la fatidica tripla cifra. In più, si dà il caso che sia ormai trascorso un anno da quando esiste questo sito e questo blog. Voglio quindi ringraziare tutti i vecchi e nuovi sostenitori con un bel regalo, e cioè un cofanetto SmartBox Pausa Avventura, valido in qualsiasi momento fino a giugno del prossimo anno. Niente di speciale, ma pur sempre un regalo! Come fare per vincerlo? Con un po' di fantasia e un semplice clic!

 

leggi di più 10 Commenti

Paradiso, inferno e comunicazione 2.0




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Paradiso, inferno e comunicazione 2.0

Sapete perché il paradiso è un posto così bello? Perché all'accoglienza c'è un inglese, all'organizzazione un tedesco, alla cucina un francese e all'animazione un italiano. E sapete perché l'inferno è un posto così brutto? Perché all'accoglienza c'è un francese, alla cucina un inglese, all'animazione un tedesco e all'organizzazione un italiano. Come tutte le barzellette ironiche, questa storiella mi fa prima sorridere e poi... riflettere. Possibile che con l'organizzazione, noi italiani, non riusciamo proprio ad andare d'accordo? Possibile, più in generale, che la nostra vastissima cultura riesca a concretizzarsi – se riesce – in progetti tanto visionari quanto impresentabili? La risposta è sfortunatamente affermativa. Basti pensare a Volunia, il motore di ricerca “made in Italy” andato online in beta con una veste grafica raccapricciante e una comunicazione promozionale che peggio di così non poteva essere (valga su tutti il video che ripropongo qui sotto).

 

leggi di più 0 Commenti

Professione blogger di P.Sermasi: la recensione




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Professione blogger

Professione blogger” è un libro di P. Sermasi, aka Mr Pin, disponibile in edizione Hoepli Informatica ormai da qualche anno. A me è capitato tra le mani solo questo mese, in un periodo di calo di lavoro che mi ha portato a cercare nuovi stimoli e nuovi spunti. Ho quindi scritto questa recensione nel tentativo di capire se sono l'unico a pensarla come dirò tra poco o se, da qualche parte del paese o del mondo, esiste qualcuno che la pensa come me. Dirò subito che il libro non mi è piaciuto, ma questo per una serie di motivi che dipende forse dai miei gusti personali. Voglio condividere piuttosto quello che è il tema di fondo del libro, la sua essenza, il messaggio che sembra essere il Santo Graal del blogging mondiale: raccontare gli affari propri.

 

leggi di più 0 Commenti

7 stratagemmi per arricchire il tuo sito web di contenuti [parte II]




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Content Marketing

Dopo la prima parte del post “7 stratagemmi per arricchire il tuo sito web di contenuti”, torniamo questa settimana a parlare di content marketing e vediamo quali sono gli altri 4 stratagemmi che possiamo adottare per aumentare il traffico organico e migliorare la comunicazione con gli utenti della rete. Come anticipato nel post della settimana scorsa, si tratta di strategie a basso costo, che prevedono l'inserimento di soli testi senza stravolgere quindi l'architettura del sito web in questione. Vediamole nell'ordine e cerchiamo di capire, con qualche esempio pratico, quali benefici possono apportare.

 

leggi di più 0 Commenti

7 stratagemmi per arricchire il tuo sito web di contenuti [parte I]




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Arricchire sito web

 

Arricchire un sito di contenuti testuali può sembrare un'operazione superflua e forse addirittura inutile. Con il tempo, tuttavia, ci si accorge che la comunicazione rappresenta a tutti gli effetti una delle parti fondamentale dell'architettura di un sito web, al pari della grafica, dei tempi di caricamento delle pagine, dell'ottimizzazione seo e di altri elementi. Comunicare nel modo giusto e stimolare l'interesse dei potenziali clienti è di estrema importanza, perché si sa, il primo impatto è quello che conta. A questo punto si pone però una questione: quali altri contenuti inserire nel nostro sito oltre alle classiche pagine “chi siamo”, “attività” e “contatti”? La risposta in questi 7 stratagemmi!

 

leggi di più 0 Commenti

Directory italiane: ecco dove inserire il vostro sito oggi




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

 

Le directory italiane rappresentano un primo e importantissimo step per cominciare a posizionare un sito internet. Il lavoro di inserimento nelle directory, lungo e piuttosto noioso, viene svolto di solito dalle agenzie o dai freelance SEO... ma un giorno potrebbe toccare anche a voi copywriter e web writer. Del resto i passaggi da affrontare, per tutti, sono sempre gli stessi: registrazione (non sempre obbligatoria), inserimento delle informazioni (tra cui la descrizione del sito in questione) ed eventuale scambio di link.

 

Attenzione però: come in tutti i lavori ingrati e non - e vi assicuro che questo lo è - per avere risultati concreti bisogna conoscere le directory migliori, ovvero quelle aggiornate e con Page Rank più alto. Proprio quello che ho cercato di raccogliere nell'elenco che segue! Fatene buon uso e, se avete apprezzato, ricambiate con un link! ;)

 

 

NB: asterisco (*) = voce obbligatoria/non obbligatoria

 

leggi di più 26 Commenti

Web writing: 9 strumenti per non perdere il lavoro




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Strumenti per non perdere il lavoro

Gli strumenti per il web writing disponibili online sono senza dubbio importanti, ma ancora più importanti sono gli strumenti per non perderlo, il lavoro di web writing! Mi riferisco a tutti quei tool, la maggior pare gratuiti, che ci permettono di evitare spiacevoli inconvenienti o imprevisti. Chi svolge la professione del freelance nel mondo del digitale, infatti, sa bene quanto sia fondamentale avere sempre un pc efficiente, disporre di alternative ai programmi più usati, recuperare password e assicurarsi che la comunicazione con i clienti sia perfetta in ogni occasione.  


leggi di più 0 Commenti

Programmatori contro SEO contro blogger contro SEM




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Litigio in ufficio

Questo post è figlio di una recente esperienza che ho avuto con una delle tante agenzie web italiane, esperienza non proprio positiva che temo possa ripetersi in futuro con altri addetti ai lavori. Il titolo la dice lunga ma credo di non aver esagerato e, anzi, potrei aggiungere alla lista anche altri nomi, tra cui ad esempio grafici, social media manager e web writer. Quello che è successo a me potrebbe infatti capitare a chiunque fosse chiamato a collaborare a un progetto già avviato, con l'obiettivo di svilupparlo e arricchirlo in virtù di conoscenze specifiche, nel mio caso di web writing e blogging. 

 

leggi di più 0 Commenti

Contenuti di Qualità: il primo content marketplace di testi già pronti!




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Contenuti di Qualità è online!

Nel post di oggi vorrei parlarvi di un progetto nato e cresciuto senza budget, grazie all'idea di Simona Venafro e alla collaborazione di un trio di web writer di cui io stesso faccio parte. Il progetto in questione si chiama Contenuti di Qualità ed è il primo Content Marketplace di articoli già pronti. In sostanza, si tratta di un sito web dove seo, programmatori, web master e quanti hanno bisogno di testi e post da caricare in un sito possono trovare quello che serve e comprarlo all'istante... con un clic!


leggi di più 0 Commenti

Scoop.it, Storify, Paper.li: i mille volti della content curation




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Content curation

La cura dei contenuti (o se preferite la content curation) è tuttora un affare molto sottovalutato, degno però della massima attenzione sia da parte dei clienti sia da parte di chi si occupa di promozione online. Per farla al meglio, e quindi attirare l'attenzione degli utenti della rete, esistono diversi tool gratuiti disponibili nel web e utilizzabili da chiunque. In questo post voglio presentarvi le piattaforme che, tra le decine degne di nota, spiccano più delle altre per immediatezza e popolarità: sto parlando di Scoop.it, Storify e Paper.li


leggi di più 8 Commenti

Content strategy: fiducia e contatti grazie ai contenuti




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Content Strategy

Pochi giorni fa mi sono imbattuto in un post firmato Web in fermento dal titolo “L'esplosione del Content Marketing”. L'argomento ha subito destato il mio interesse poiché ha a che fare con la cosiddetta Content Strategy, che Wikipedia definisce come “la pratica di pianificare la creazione, diffusione e gestione di contenuti”. Esattamente il mio lavoro! Mi sono quindi messo alla ricerca di cosa avesse da dire la rete in proposito, nel tentativo di definire lo stato dell'arte del content strategy in Italia.

Il risultato è stato abbastanza deludente, perché sono ancora pochi i web writer e i content manager che si sono preoccupati di dedicare al tema un approfondimento. Oltre a Web in fermento, le pagine internet italiane che compaiono tra i risultati della query “content strategy” alla prima “o” di Google, infatti, sono appena tre. Eppure, il settore sta davvero esplodendo, e la domanda di contenuti originali e unici da pubblicare in rete è in fortissima crescita.

 

Su Google esiste addirittura un gruppo dedicato in lingua inglese che vanta ben 1407 membri iscritti e che ha all'attivo discussioni dai titoli eloquenti, come Content Strategy for Pinterest? o Content Strategy + Content Management. La diffusione e creazione dei contenuti, del resto, è ormai un fenomeno mondiale per almeno tre motivi:

1) Il numero di persone che ha accesso ai social network , e ancora prima a internet, è in costante crescita (v. l'infografica di Ninja Marketing);
2) La crisi economica ha costretto o convinto molte aziende a dirottare gli investimenti nel web a dispetto della tradizionale pubblicità (+20% all'anno secondo FCP-Assointernet);
3) Google ha introdotto di recente modifiche importanti come Panda Update e Caffeine nell'ottica di migliorare l'esperienza dei propri utenti.

 

leggi di più 0 Commenti

Matt Cutts: Google e i contenuti per il web




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Matt Cutts di Google

Matt Cutts, l'uomo che vedete in questa fotografia, conosce Google molto bene. Ogni giorno lavora nel Search Quality Team in veste di esperto SEO (Search Engine Optimization), decidendo come e perché il motore di ricerca più usato al mondo premia o penalizza un determinato sito web. Nonostante l'aspetto inoffensivo e un po' impacciato, quando Matt prende in mano il microfono per un'intervista o un webinar online, web master e SEO di tutto il mondo si fermano e rizzano le orecchie: la sua voce e le sue parole, che lo si ami o lo si odi, sono la voce e le parole di Google.

leggi di più 0 Commenti

Scrivere per il web: come trovare gli argomenti giusti




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Scrivere per il web

Scrivere per il web significa conoscere le regole del web writing, i siti dove pubblicare notizie, quelli dove fare article marketing, e ancora: conoscere i tool per organizzare la navigazione online, la lista di poison word e stop word, i programmi per l'invio di newsletter... insomma, tanta fatica e centinaia di ore passate davanti al computer. A monte di tutto questo però, scrivere per il web significa anche un'altra cosa, forse la più importante: sapere di che cosa parlare. Gli argomenti dei contenuti che andrete a inserire nel vostro blog/profilo sociale/sito o in quello dei vostri clienti, prima di ogni altra cosa, rappresentano la materia prima di un web writer.

 

leggi di più 2 Commenti

Inbound marketing e content marketing: il ruolo del web writer




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Content marketing

Inbound marketing e content marketing mi sembrano sempre più le due facce di una stessa medaglia: quella della promozione online di un'attività commerciale attraverso i contenuti. Gli ultimi dati forniti da Audiweb traducono in numeri questa svolta epocale: il 43,6% degli utenti che usano internet lo fa perché “è possibile trovare qualsiasi tipo di informazione”. “Aver trovato quello che cercavo”, d'altra parte, è il motivo che soddisfa il 54% delle persone che navigano in rete. Questo spiega bene il fenomeno di trasferimento di investimenti dal vecchio outbound marketing (spot televisivi, call center, pubblicità sui giornali, ecc) al più recente inbound marketing, dove i contenuti attirano l'interesse di quelli che, come me e voi che leggete, rappresentano potenziali clienti di un servizio o di un prodotto.

leggi di più 0 Commenti

Oltre LinkedIn: 5 siti per trovare lavoro




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Siti web per trovare lavoro

Di siti per trovare lavoro ce ne sono un'infinità, ma se siete liberi professionisti conviene forse puntare sui cosiddetti business social network, siti web che riuniscono migliaia di persone sparse in Italia e all'estero. LinkedIn, in questo senso, è il business social network per eccellenza: designer, programmatori, grafici, seo e sem specialist partecipano ogni giorno alla community, offrendo le proprie competenze, aprendo dibattiti e rispondendo a discussioni già avviate. Su LinkedIn chiunque ha la possibilità di mostrare quanto vale e promuovere i servizi messi a disposizione in modo professionale e immediato. Ma siamo sicuri esista solo LinkedIn?

 

La risposta è no, anzi: decisamente no! Altri siti per trovare lavoro esistono, non solo per il mercato estero ma anche per quello italiano. Perché dunque, soprattutto in tempi di crisi, rimanere con le mani in mano e aspettare un contatto proficuo solo e soltanto da LinkedIn? I business social network su cui vale la pena registrarsi dal punto di vista del mercato italiano sono almeno 5, per cui prendetevela comoda, investite qualche ora nella compilazione del vostro profilo (e per chi vuole qualche soldo) ed entrate in Viadeo, Twago, Elance, Xing e, non da ultimo, l'italianissimo Link2me!


leggi di più 3 Commenti

Article marketing: la lista aggiornata di Contenuti WEB




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

 

A iniziare il nuovo anno con una lista aggiornata di siti per l'article marketing ci vuole coraggio. La rivoluzione dei social media, le nuove opportunità offerte da Foursquare, gli aggiornamenti di Google + per le aziende e altro ancora, rendono l'article marketing molto meno allettante di un tempo. In fondo lo sostengono un po' tutti: l'importante è pubblicare contenuti su Facebook, Twitter & co., il resto non conta. Per quanto mi riguarda questo è vero solo in parte: l'article marketing rimane e rimarrà ancora per un pezzo un tassello fondamentale nella costruzione di una presenza sul web. Soprattutto quando un nuovo sito viene messo online, la pubblicazione di una serie di articoli su una lista aggiornata di siti web è fondamentale.

 

Si tratta di un lavoro "sporco" e noioso, certo, ma i benefici sono evidenti. La link building, ovvero la costruzione di una base di link gratuita; la visibilità del proprio brand, che su alcuni siti può essere tutt'altro che trascurabile; la creazione di un PageRank. Se l'article marketig viene combinato con la registrazione del sito in varie directory e la pubblicazione di post nel network di news sharing, insomma, lo sporco lavoro si trasforma in un ottimo investimento di tempo ed eventualmente denaro. Qui sotto trovate la lista aggiornata di 76 siti web dove fare article marketing!

 

 

ATTENZIONE! L'AGGIORNAMENTO DEFINITIVO DI QUESTA LISTA LO TROVATE ALLA PAGINA -------->  "ARTICLE MARKETING: POCHI SITI MA BUONI"



leggi di più 5 Commenti

Una buona azione per Natale




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Offerte a impatto zero su Doveconviene



Per quasi un anno ho collaborato con Greenme, il sito web sull'ecologica numero 1 in Italia. Lì ho imparato i primi trucchi sul web writing, scrivendo articoli sul fotovoltaico e le rinnovabili in generale. Oggi che la collaborazione si è conclusa, il mio interesse per la natura e la sostenibilità ambientale non è però scemato ed è così che, spulciando tra il marasma del web, ho scovato un'iniziativa degna di un intero post. Voglio quindi promuoverla in prima persona, sia perché altri facciano lo stesso, sia perché tra pochi giorni è Natale ed è il caso di fare un regalo anche a Madre Natura.

leggi di più 1 Commenti

10 siti dove pubblicare notizie




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Siti per pubblicare news

 

I siti dove pubblicare notizie, articoli e post esistono in tutto il mondo, Italia compresa, ma non vanno confusi con i siti dove fare article marketing. Questi ultimi si distinguono dai primi perché richiedono – almeno in teoria – che gli articoli o i comunicati stampa inviati siano originali, cioè NON pubblicati in altre pagine web. Ma come fare se, una volta concluso il nostro post/articolo, vogliamo condividerlo con il maggior numero di persone? Certo, esistono social network come Twitter e Facebook, che però consentono solo un link e poche righe di testo. Se quello che vogliamo, al contrario, è segnalare una notizia completa (o qausi) più volte senza doverla riscrivere da zero... buone nuove: esistono siti fatti apposta per questo!

leggi di più 39 Commenti

Costruire la propria autorevolezza online




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Costruire la propria autorevolezza

Costruire la propria autorevolezza online richiede 3 cose: tempo, pazienza e costanza. Chi promette tecniche veloci e sicure non fa altro che mentire, perché di veloce e sicuro, nel cosiddetto “authority building”, non c'è proprio niente. A queste 3 virtù fondamentali, tuttavia, vanno aggiunti altrettanti campi d'azione concreti, senza i quali anche la persona con più tempo, pazienza e costanza non andrebbe lontano. Quali sono, quindi, i campi d'azione dove agire per costruire la propria autorevolezza online? Secondo la Compagnia statunitense di servizi per il marketing online Vertical Measures, occorrono interventi di link building, social media marketing e pubblicazione di contenuti. L'infografica da loro realizzata, tradotta in italiano in occasione di questo post, illustra alla perfezione ogni singolo aspetto della questione. Diamoci un occhio!


leggi di più 0 Commenti

10 buone ragioni per aprire un blog




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Motivi per aprire un blog

Stanco di dover spendere fiato per spiegare a destra e a manca i vantaggi di associare un blog al proprio sito, ho deciso una volta per tutte di dedicare un post all'argomento, riassumendo in 10 punti le (buone) ragioni per aprire un blog. Pur consapevole della quantità sterminata di blog presenti in rete, mi sono infatti reso conto – maturata una certa esperienza – che sì, è vero, se prendiamo come esempio quelli dove si parla di tutto e niente, nessuno sente l'esigenza di un altro blog... tuttavia, se consideriamo i cosiddetti corporate blog, e cioè i blog aziendali che trattano temi specifici rivolti a un pubblico di nicchia, non solo possiamo renderci conto del bassissimo numero di blog seri presenti in rete, ma anche di quanti temi interessanti siano trascurati o ignorati, sprecando così una grande opportunità di fare del marketing online. Avanti tutta quindi: ecco illustrati, uno per uno, i 10 motivi per aprire un blog!

leggi di più 6 Commenti

Seo per pdf: come ottimizzare un file pdf




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Posizionamento file pdf

La Search Engine Optimization vale tanto per le classiche pagine web quanto per i file PDF. Pensateci un attimo: quante volte, magari senza farci caso, avete cliccato uno dei link suggeriti da Google aprendo, invece che un sito web, un file pdf? Capita sempre più spesso e il motivo è semplice: GoogleBot, lo spider web di Google (e con lui altri spider di altri motori di ricerca) è in grado non solo di “leggere” il contenuto di un file pdf – ovviamente se questo non è protetto da password!!! – ma anche di decifrare elementi quali il Title, la Description (in questo caso anche chiamata subject) ed eventuali Key word. Per posizionare su Google un file pdf è dunque utile conoscere alcuni trucchetti. Quali? Leggete questo post e lo scoprirete!

leggi di più 0 Commenti

Dopo Panda Update, arriva Google Caffeine




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Google caffeine

Ci eravamo appena abituati al Panda Update che già è arrivato il momento di un nuovo aggiornamento: si chiama Google Caffeine  e promette di scombinare ancora una volta le classifiche delle SERP. La sua pubblicazione ufficiale avvenne già nel 2007, con l'antenato algoritmo QDF (Query Deserves Freshness). Da qualche settimana a questa parte però, le cose si fanno più serie: con l'aumento di peso dell'algoritmo Caffeine  all'interno del Page Rank, infatti, l'importanza di offrire contenuti freschi e aggiornati è decisamente aumentata. C'è chi arriva a dire che, rispetto al passato, le ricerche interessate dall'aggiornamento siano addirittura il doppio. Dati ufficiali forniti da Google parlano in altri termini di un 35% di query influenzate.

leggi di più 1 Commenti

10 profili aziendali da NON prendere come esempio




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Profili aziendali sbagliati

Come promesso la settimana scorsa, nel post di oggi vorrei analizzare 10 profili aziendali da NON prendere come esempio. La mia non vuole certo essere una sterile critica a chi non sa scrivere, e lo capirete facilmente leggendo il seguito: i difetti da me segnalati non c'entrano nulla con la qualità della scrittura, ma solo con qualche accorgimento che sarebbe stato bene adottare e che invece è stato ignorato. Allo stesso modo di quanto fatto la settimana scorsa con i 10 profili da prendere come esempio, anche qui ogni screenshot è stato commentato con quattro o cinque righe di appunti personali, per indicare quali sono i problemi maggiori riscontrati nelle rispettive pagine "profilo" (ma anche "about", "chi siamo", ecc). La scelta è stata davvero imbarazzante, tanto che ho deciso di promuovere un mini contest su Facebook mettendo in palio una copia del libro Fare business con Facebook di Luca Conti a chi invierà a info@contenuti-web.it il link del peggior profilo aziendale di tutti i tempi! E ora vediamo cosa offre la rete...

 

leggi di più 0 Commenti

10 profili aziendali da prendere come esempio




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

profili aziendali ok

Come ogni settimana l'argomento era pronto: avrei postato qualcosa riguardo ai profili aziendali, una scelta del meglio che offre la rete per quanto riguarda pagine web come "Chi siamo", "About" o "Profilo". Dire che sono rimasto sbalordito di fronte al risultato è dire poco: va bene che l'ignoranza delle aziende italiane nei confronti della rete fa spavento, ok che l'italiano non si finisce mai di conoscerlo, d'accordo sulla legittima sottovalutazione nel dire chi siete e cosa fate... ma santo cielo!, per ognuno di questi profili ne ho trovati almeno altri dieci illeggibili o quasi! Il peggio del peggio l'ho messo nel cassetto, deciso a pubblicarlo dopo il ponte del 1° novembre a eterna memoria. Fino ad allora, date un occhio a chi, in fatto di profili aziendali, sa il fattaccio suo!

leggi di più 2 Commenti

Come usare Prezi: una guida pratica




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Prezi

Non credo di sbagliarmi nel dire che Prezi, l'applicazione online per creare presentazioni dinamiche, venga tutt'oggi ingiustamente snobbata dal mondo del web italiano. Ignoro i motivi di un simile atteggiamento: colpa dell'apparente complessità di questo strumento, o forse dei tutorial – tutti in inglese – fatto sta che non sono ancora riuscito a rimediare una guida pratica per imparare a usare Prezi. Eppure, Prezi è a dir poco geniale: mi è bastato vederlo una volta per capire che valeva la pena provarlo. E così ho aperto anch'io un account gratuito, cominciando a smanettare con il bubble menù (già il nome è un programma) in alto a sinistra. Il risultato?

 

Una guida a Prezi usando... Prezi!

 


leggi di più 7 Commenti

5 tool gratuiti per organizzare la navigazione online




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Organizzare la navigazione online

 

Con l'aumento esponenziale dei siti web presenti in rete, il tempo che possiamo dedicare alla navigazione online è diventato ancora più prezioso. Trovare e salvare ciò che ci serve si fa di giorno in giorno più difficile, e a meno di avere degli strumenti per organizzare la navigazione, quest'ultima rischia di trasformarsi da piacevole passatempo in qualcosa di frustrante, noioso e sconclusionato. Discorso ancora più valido per chi – come il web writer – naviga in rete per lavoro, magari alla ricerca di fonti per scrivere un articolo oppure per recuperare info che lo aiutino a risolvere un problema di formattazione. I 5 tool che ho scelto per questo post sono quello che di meglio offre il web per organizzare una sessione di navigazione online. Scopriteli anche voi e, se ne conoscete altri, segnalatemelo!

 

leggi di più 2 Commenti

Brochureware: come e perché evitarlo




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

 

 

 

Il termine brochureware viene utilizzato in ambito web per indicare quei siti (aziendali e non) i cui contenuti riproducono in modo palese le caratteristiche della carta stampata. Il significato, secondo alcuni, va esteso alla frequenza stessa di aggiornamento dei contenuti. I due aspetti, per quanto mi riguarda, sono legati uno all'altro come fratelli siamesi: dato che la carta stampata è per sua stessa natura non aggiornabile, il fatto di trovarsi di fronte pagine web palesemente vecchie – per linguaggio, per temi affrontati, per link rotti, per data dell'ultimo post, ecc – non è altro che una conseguenza di questo approccio tanto frequente quanto sbagliato.

 

leggi di più 0 Commenti

Melascrivi e Populis Create: quanto si guadagna?




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Pay-to-write Italia

Al momento di scrivere questo articolo, Populis Create e Melascrivi rappresentano le due offerte di pay-to-write più allettanti d'Italia. La terza opzione, almeno fino a poco tempo fa, si chiamava Wikio Experts, progetto francese che però chiude i battenti questo mese per motivi non del tutto chiari. Avvezzi a ogni tipo di fregatura e trappola presente nella rete, in molti si chiedono come funzionano queste due piattaforme di content marketplace, e, nello specifico, quanto si guadagna, come si viene pagati, cosa bisogna fare. Anch'io me le sono chiesto: alla domanda è seguita l'iscrizione, all'iscrizione la partecipazione, alla partecipazione la rinuncia e, a distanza di un paio di mesi, il post che state leggendo.

 

Quanto si guadagna?

 

Cominciamo dalla questione economica. La risposta secca alla domanda quanto si guadagna, per quello che mi riguarda, è una sola: poco. La foto della ragazza seduta tra due palme di una qualche spiaggia caraibica mentre scrive a computer – una delle tre foto nell'header della pagina create del sito Populis – mi fa lo stesso effetto, col senno di poi, della famiglia felice della Mulino Bianco che prepara i biscotti. Se arrotondare uno stipendio con le entrate di questi due siti è molto faticoso, per non dire snervante, immaginarsi di condurre una vita spensierata alle Bahamas scrivendo articoli on demand è semplicemente ridicolo. Nello specifico, Melascrivi paga secondo i cosiddetti “livelli di qualità”, nient'altro che stelle tipo hotel assegnate da sconosciuti revisori a ciascun autore in base alle sue capacità. Più sei bravo più guadagni (sempre che di guadagno si possa parlare) fino al raggiungimento della quarta e ultima stella


leggi di più 16 Commenti

Poison word e stop word a confronto




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Poison word e stop word

Poison word e stop word sono uno degli argomenti sul web writing meno conosciuti e affrontati, almeno per quanto riguarda il nostro paese. Navigando in rete mi sono accorto che è quasi impossibile trovare un post o un articolo esaustivo: l'unica soluzione per capirci qualcosa è ritagliare qualche info qua e là, sia da forum che da siti in lingua inglese, wikipedia compresa. Spero quindi di aver fatto cosa gradita raccogliendo qui di seguito tutte le info a riguardo!

 

Cominciamo per prima cosa con una definizione grossolana (ma comoda) dei due termini: per poison word si intendono quelle parole che gli spider di Google considerano con sospetto. Qualcosa di simile si può dire delle stop word: qui la particolarità sta nel fatto che usare o meno queste parole, dal punto di vista degli spider, è del tutto indifferente.

leggi di più 2 Commenti

Scrivere per Google




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Ero indeciso se intitolare il post di questa settimana “Scrivere per i motori di ricerca” o “Scrivere per Google”, ma alla fine ho scelto la seconda opzione. Inutile nascondersi dietro un dito: scrivere per il web, almeno in Italia, significa scrivere per Google. La vera home page dei nostri siti, parafrasando le parole del filosofo e scrittore statunitense Weinberger, è infatti lui, Big G. Ma come fare ad essere apprezzati (e quindi trovati, e quindi letti) dal motore di ricerca numero 1 in Italia?

 

Bè, non certo con strani riti e facili scorciatoie. Esistono piuttosto alcuni accorgimenti per facilitare il lavoro degli spider che Google sguinzaglia alla ricerca di nuove pagine da indicizzare. Molti di questi li potete già trovare in quel poco di testo che avete letto finora...

leggi di più 0 Commenti

Le regole del web writing




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Le regole del web writing

Il web writing è un mestiere come un altro: c'è chi lo fa male e chi ci mette passione, chi ha seguito un corso e chi invece è autodidatta. Esistono però alcune regole universali che è bene tenere presente dal momento in cui si apre un file .doc o .odt al momento in cui si clicca il pulsante salva. Ho deciso di condividerle nel mio blog perché ritengo di avere accumulato abbastanza esperienza a riguardo, consapevole d'altra parte – come recita Guccini in uno dei primi versi della canzone Addio – che “la materia di studio sarebbe infinita”. Per comodità, ho riassunto le mie regole sul web writing in 10 punti:

 

1. Dite tutto e subito: evitate di perdervi in chiacchiere inutili. La navigazione online è così rapida e caotica che nessuno leggerà oltre la seconda riga prima di decidere se liquidarvi o meno. Chiarite quindi subito l'argomento del testo, anche perché faciliterete Google nell'individuazione delle keyword.


leggi di più 2 Commenti

Google Panda Update sbarca in Italia!




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Salvezza per alcuni, condanna per altri: Panda Update, il nuovo algoritmo introdotto da Google, è arrivato da circa un mese anche in Italia. Niente di nuovo, verrebbe da dire. Google aggiorna di continuo i parametri per valutare il Rank di una pagina web. Di solito però si tratta di piccole modifiche, nulla di così evidente da far saltare sulla sedia i webmaster. Questa volta invece i googlers di Mountain View l'hanno fatta grossa. Panda Update, infatti, promette di migliorare il servizio offerto da Google in modo originale e decisivo. Come?

leggi di più 1 Commenti

Google Adwords e i contenuti di un sito web




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Adwords contenuti web
L'attacco che la guida di Google Adwords dedica ai contenuti di un sito web

 

Cos'hanno in comune i contenuti di un sito web e Google Adwords, il più vasto e sofisticato sistema per la pubblicità online? Niente, verrebbe da dire: uno apre il suo account qui, decide il budget, pubblica gli annunci e il gioco è fatto. Nulla di più sbagliato. I brevi testi degli annunci contengono infatti parole chiave, come “noleggio auto”, “ristorante pesce”, ecc, e queste parole chiave devono coincidere con quelle presenti nel vostro sito, o, meglio, nelle pagine del vostro sito alle quali ogni annuncio fa riferimento.

leggi di più 0 Commenti

Scrivere 2.0: la recensione




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

La copertina di Scrivere 2.0
La copertina di Scrivere 2.0

Scrivere 2.0 è forse il libro più significativo intorno al web writing apparso finora in Italia. O almeno era questo l'incipit che avevo in mente prima di leggerlo. In libreria mi sono trasferito alla cassa spinto dalla convinzione che fosse arrivato il momento di aprire il libro sul web writing. Avrei dovuto invece fare attenzione al sottotitolo, e cioé “gli strumenti del web 2.0 al servizio di chi scrive”. Scrivere 2.0 è infatti un ottimo contenitore di programmi, applicazioni e siti web per chi vuole creare e condividere documenti, soprattutto di testo, ma non va oltre la forma dell'elenco.

 

Un giudizio lapidario potrebbe dunque essere questo: ottimo per chi cerca dritte su servizi dedicati al web writing, facoltativo per chi desidera sapere cosa sia il web writing. Nel libro di Luca Lorenzetti, edito da Hoepli nella collana Web & marketing 2.0, troverete ben pochi consigli sulla scrittura per il web vera e propria (il che stride parecchio con il titolo) ma moltissime dritte e altrettanti spunti su cosa fare una volta scritto qualcosa a computer, sia online che offline (il che, d'altro canto, è in perfetta linea col sottotitolo). Nello specifico, la prima metà del libro tratta argomenti come l'organizzazione del lavoro, la condivisione di documenti, la scrittura collettiva, mentre la seconda parte è tutta incentrata sull'ebook.

leggi di più 2 Commenti

5 programmi per l'invio di newsletter




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Ci sono cose che un bravo web writer non può non conoscere. Tra queste, i programmi per creare e inviare newsletter. La newsletter è infatti uno strumento molto utile per aggiornare gli utenti di un blog o di un sito web, inviando loro informazioni, promozioni, offerte e ogni altra novità. Ecco allora qui di seguito un elenco con i 5 migliori programmi per l'invio di newsletter!

 

1) Cominciamo dal primo, SendBlaster 2. Si tratta della nuovissima versione di un software molto semplice, che permette di creare, gestire e inviare newsletter a un gran numero di utenti. Le principali differenze tra la versione free e la versione premium (85 euro + iva) di SendBlaster 2 riguardano il numero di emali inviabili (100 vs illimitate), l'aggiunta di allegati (consentita vs non consentita) e l'esportazione delle liste (consentita vs non consentita). Quest'ultima operazione velocizza l'inserimento di indirizzi email già a vostra disposizione in fogli exel o simili, ma non è certo indispensabile. 

leggi di più 7 Commenti

Il titolo di una pagina web




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Nel post di oggi vorrei spendere qualche parola riguardo alla scrittura del titolo di una pagina web. L'argomento è di quelli seri, perché se c'è una cosa che i motori di ricerca prendono in considerazione, questa è proprio il titolo. Si tratta di un punto da tenere bene a mente: scrivere un titolo originale ma privo di parole chiave utili all'indicizzazione ha davvero poco senso, perché così facendo si finirà inevitabilmente in terza, quarta, quinta pagina di Google & Co., con ovvie conseguenze sulla visibilità. Viceversa, scrivere il titolo di una pagina web scegliendo le giuste key words e componendo una stringa di massimo 6-7 parole è un ottima base di partenza per il posizionamento. E la fantasia? I giochi di parole? I doppi sensi?

 

leggi di più 0 Commenti

I contenuti di un sito web




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Se pensate che i contenuti di un sito web abbiano poco a che fare con i testi, allora è meglio se leggete questo articolo fino alla fine. A contribuire al posizionamento di una pagina web nei motori di ricerca, infatti, sono anche loro: i testi scritti. Un sito che presenta solo immagini, animazioni flash o simili non ha alcuna speranza di finire nei primi posti delle ricerche Google. Il motore di ricerca più utilizzato in Italia e nella gran parte dei paesi del mondo ha dei parametri ben precisi per stabilire la qualità – e quindi la posizione – di una pagina web, parametri che vengono calcolati grazie all'algoritmo di analisi “PageRank”. Tra questi c'è il numero di link in entrata, la pertinenza delle parole chiave e altri 200 parametri compresi, appunto, i contenuti scritti.

 

La parola, dunque, rimane di primaria importanza per la buona riuscita di un sito web. Nonostante lo strapotere delle immagini e dei video, nell'era digitale vige ancora la regola: Content is the king. Come spiegato in modo molto chiaro alla voce “Web content” di en.wikipedia.org:

 

Text content is particularly important for search engine placement. Without original text content, most search engines will be unable to match search terms to the content of a site.

leggi di più 0 Commenti

5 dritte per migliorare l'usability di un testo web




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Facilitare la lettura di un testo per il web è operazione tutt'altro che scontata. Le variabili da tenere in considerazione sono molte: dimensione e tipologia del font, uso del singolare al posto del plurale, rapporto del testo con lo sfondo... tutto fa brodo, perfino la presenza di finestre animate! Tuttavia, si contano su una mano sola gli elementi davvero importanti da tenere in considerazione. A chiunque voglia cimentarsi nella scrittura di un testo per il web consiglio di seguire queste dritte una per una, così da migliorare l'usability e aiutare l'utente nella lettura!

 

  • La prima dritta è quella di scegliere il giusto font per i caratteri. Non parlo di stili contorti o pieni di sfarfalli: che un font come questo o questo rendano la lettura difficoltosa è chiaro a tutti. Più difficile è stabilire se sia meglio l'Arial o il Verdana, il Times New Roman o il Georgia. Ebbene, sappiate che la classifica dei sette font più leggibili per un testo web, almeno secondo una ricerca – non più disponibile online – della Wichita State University (Kansas, USA), è la seguente:
leggi di più 0 Commenti

Come ottimizzare un testo per il web




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Ottimizzare un testo per il web significa due cose: da un lato renderne agevole la lettura, dall'altro inserire quegli elementi che facilitano ai motori di ricerca il lavoro di indicizzazione. I due aspetti sono abbastanza distinti ma hanno la stessa importanza: un buon testo non vale nulla se non può essere trovato in rete, così come un testo ben posizionato ma impaginato e scritto male è del tutto inutile perché verrà abbandonato dopo poche righe. Saper coniugare le due esigenze è il segreto di un bravo web writer!

 

Dividere in paragrafi

 

Vediamo allora innanzitutto come ottimizzare un testo per il web in modo da agevolarne la lettura. Le regole principali sono tre: dividere in paragrafi, evidenziare le parole, essere concisi. Dividere in paragrafi un testo, a differenza di quanto avviene per la carta stampata, è nel web una sorta di corollario. La velocità di fruizione del media internet è infatti così elevata che l'impatto visivo di un testo uniforme, lungo e privo di intervalli ha lo stesso effetto di un bastone tra le ruote.

 

Di fronte a un simile “muro di parole” i ripetuti click del mouse si interrompono, subentra una fase di stallo e il lettore si scoraggia. Meglio quindi scomporre il testo in tanti paragrafi di lunghezza più o meno uguale, dando a ciascuno un titolo che catturi l'attenzione e aiuti il lettore a orientarsi. Esemplari in questo senso sono le voci di Wikipedia.

leggi di più 2 Commenti

Presentazione in slideshare di Youtube


 

Ecco una seconda presentazione, dopo quella di Facebook, riguardo al terzo sito più visitato al mondo: Youtube. Tutti lo conoscono per i video divertenti che gli utenti caricano da ogni parte del mondo. Alcuni, anzi, molti, hanno invece cominciato a sfruttarlo come canale di autopromozione. Caso esemplare in questo senso è quello dell'imprenditore russo Gary Vaynerchuk, che grazie a un'intensa attività su Yotube è riuscito a incrementare le entrate della propria azienda da 4 a 45 milioni di dollari. La pratica sta prendendo sempre più piede, tanto che la definizione di brand channel comincia a circolare anche al di fuori degli ambienti del marketing. Si tratta in sostanza di curare un proprio canale, personalizzandolo con video o - come nel caso della Tim - con applicazioni per gli utenti di irresistibile fascino. L'importante è proporre contenuti originali e coerenti con i prodotti e i servizi offerti (Gary, ad esempio, ha vestito i panni del sommelier per ben 100 videolezioni). Siamo insomma di fronte a un vero e proprio strumento di marketing, con potenzialità di crescita enormi e un bacino di utenza... bè, guardate la presentazione e lo scoprirete! 

 

 

leggi di più 0 Commenti

L'Article Marketing in 86 siti web... gratis!


 

ATTENZIONE! L'AGGIORNAMENTO DEFINITIVO DI QUESTA LISTA LO TROVATE ALLA PAGINA -------->  "ARTICLE MARKETING: POCHI SITI MA BUONI"

 


leggi di più 15 Commenti

Il Search Engine Marketing secondo Emiliano Carlucci




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

Le regole di internet non si imparano solo in internet. Esistono ottimi libri che spiegano nei dettagli ciascuno dei vari aspetti legati al web: dall'email marketing alla comunicazione tramite social network, dal personal branding al keyword advertising e così via. La miglior collana di manuali in materia è forse quella della casa editrice Hoepli: intitolata web&marketing 2.0 e curata da Luca Conti, raccoglie l'esperienza diretta dei big italiani della Googlenomics.

leggi di più 0 Commenti

Home page a confronto




[Il blog di Contenuti WEB riflette il mio approccio al mestiere del web writer: chi scrive contenuti per internet deve conoscere sì i meccanismi della rete, ma anche quelli della scrittura. Qui troverete consigli per il web writing da entrambi i punti di vista: del geek da una parte e del web writer dall'altra. Buona lettura!]

L'home page è ciò che un internauta si trova solitamente di fronte quando clicca il link di un motore di ricerca. Dire che questa pagina è fondamentale è dire poco. Tutti siamo impazienti di sapere se il link cliccato era quello giusto o se stiamo perdendo tempo. Tutti siamo pronti a tornare indietro nel caso la nostra ricerca prendesse una direzione sbagliata. Diamo allora un occhio a due esempi di testi contenuti in altrettante home page trovate digitando su Google le parole agenzia patenti.

 

Il primo è questo

 

*** opera da 50 anni nell'intricato mondo delle pratiche auto e da sempre mette a frutto le proprie esperienze nella ricerca di nuovi servizi più completi, oltre a tradurre i propri sforzi in un'ottima organizzazione interna fidando di personale specializzato e assistenza notarile e assicurativa fissa in sede.

 

Che ve ne pare? Non molto chiaro, direi. È un periodo lungo, macchinoso, con tante parole che, se lette con attenzione, non trasmettono alcun messaggio. L'unica informazione che passa è questa: si tratta di un'agenzia per le pratiche auto. Bastavano però le prime due righe per capirlo.

leggi di più 0 Commenti

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Italia.